Danno metabolico (danno metabolico) è diventata la parola di terrore nella scena sportiva. Si riferisce ai fenomeni quando il corpo reagisce in modo diverso rispetto a quanto suggerito dall'offerta di energia e dall'intensità dell'allenamento. Immagina un atleta che si allena duramente e, nonostante le ore di allenamento cardiovascolare e un limitato apporto calorico, può a malapena perdere peso e perdere grasso. Se questo è già un danno metabolico, quale danno metabolico può sembrare, e cosa si può fare per impedire che il metabolismo derivi è spiegato qui.

Criteri oggettivi per un metabolismo ridotto

Un metabolismo sano dipende in larga misura da una tiroide ben funzionante. Colui il cui corpo rilascia abbastanza ormone tiroideo avrà un normale metabolismo. L'ipertiroidismo causa sempre gravi lesioni a persone con perdita di grasso. Tali sotto-funzioni possono essere oggettivamente determinate mediante analisi del sangue e trattate con farmaci adatti. Ma pochissimi atleti hanno effettivamente una carenza fisiologica. Per molti, il cosiddetto danno metabolico è causato da un allenamento sbagliato.

azione
NUOVO
*Neuer Geschmack*
22.34 IVA inclusa
*Neuer Geschmack*
23.27 IVA inclusa

Il danno metabolico correlato all'allenamento

Colpisce spesso gli atleti che vogliono fare una bella figura in una gara di bikini. L'apporto calorico si riduce prima della competizione. Allo stesso tempo, tutti i registri sono tirati per ridurre il grasso nel modo più efficace possibile. Le ragazze fanno passare lunghe unità cardio, sebbene stiano quasi morendo di fame. Ad un certo punto, la perdita di grasso smette di funzionare, l'atleta si allena più duramente, mangia meno e si sente sempre peggio. La prestazione in allenamento diminuisce, la competizione è più cattiva di quella giusta. Dopo la competizione, il peso aumenta oltre misura, come nel classico effetto yo-yo dopo una cura per la fame. Cosa succede qui nel corpo e come puoi contrastare tali effetti?

Quando il metabolismo viene adattato al letargo

Considera cosa succede nel corpo per un lungo periodo di tempo durante una dieta estrema. L'assunzione di energia ridotta dalla dieta ridotta abbassa i livelli di leptina nel sangue e fornisce una sensazione duratura di fame. Il risultato è una maggiore quantità di cortisolo, che porta il corpo in un metabolismo catabolico. Ciò porta alla perdita muscolare e alla rigenerazione più povera. Man mano che il corpo si mangia, perde la massa muscolare con una base essenziale per la perdita di grasso. Questo effetto è rafforzato dal fatto che importanti ormoni tiroidei non si formano più in numero sufficiente. Riduce anche la temperatura corporea, un'altra reazione del corpo per arrestare il metabolismo. In altre parole, il corpo assume uno stato metabolico simile all'ibernazione. Coloro che continuano a guidare unità cardio rigide con un basso apporto di carboidrati in tale fase sono in un circolo vizioso. Perché il metabolismo scende a spirale. Diventa davvero diabolico, se gli ormoni tiroidei mancanti sono forniti dalla pillola dall'esterno. Chiunque lavori in questo modo rovina completamente il loro metabolismo e rischia di diventare dipendente dai preparati per la tiroide per tutta la vita. Non deve arrivare così lontano.

Riattiva il metabolismo

Una volta che la ghiandola tiroidea viene distrutta, aiuta solo il medico. Questo è il caso estremo, ma puoi evitarlo non arrivando così lontano. Decisivo qui è che non si rinuncia mai ai carboidrati anche prima della competizione. Ma una volta che il metabolismo è nel seminterrato, solo un'attenta ricostruzione aiuta. Uno di questi è smettere di sanguinare il corpo attraverso le unità cardio. Se ti alleni in una situazione del genere, allora breve e intenso con lunghe pause di rigenerazione. Concentrati durante l'allenamento sui principali gruppi muscolari. In questo caso, la formazione su tutto il corpo è la strada giusta. È importante allenarsi con pesi elevati e allo stesso tempo cercare di aumentare la produzione di lattato in base all'intensità. Prova a limitare il tempo di esercizio a 40 secondi per esercizio. Sono circa 10 ripetizioni per esercizio. Il lattato rilasciato dall'allenamento stimola il metabolismo. Allo stesso tempo, si raccomanda una dieta ricca di proteine ​​per aumentare nuovamente la crescita muscolare. Accompagnando questo, otterrete nutrienti sufficienti attraverso una dieta sana. Per quanto riguarda gli integratori, prendi l'aminoacido L-tirosina. È responsabile che il tuo corpo sia in grado di produrre di nuovo più ormoni tiroidei. Con questa strategia porti il ​​tuo metabolismo di nuovo in pista.

Chi è particolarmente vulnerabile?

Tutti gli atleti che hanno appena iniziato a gareggiare nel bodybuilding per un breve periodo sono particolarmente a rischio per il danno metabolico descritto qui. Dopotutto, non hanno il metabolismo basale che ha un atleta ben allenato. Tieni presente che alcuni organi necessitano di una certa quantità di energia anche durante la fase di riposo. Cuore, cervello e fegato hanno bisogno di circa 1200 calorie al giorno. Nel complesso, la necessità è di circa 1700 calorie. Un novizio il cui tasso metabolico basale si trova in questa fascia viene strappato più velocemente nell'abisso metabolico da una dieta brutale come descritto sopra, come una persona addestrata con un metabolismo basale di 2500 calorie. Se il pensionato riduce la sua dieta di 800 calorie al giorno prima della competizione, è ancora nella zona verde, mentre nel principiante il corpo passa al potere di emergenza e al letargo.

Conclusione: evitare danni al metabolismo

Pertanto, sviluppa la tua formazione sistematicamente e a lungo termine. Non rischiare diete radicali, soprattutto non per molto tempo. Inoltre, non dimenticare di consumare abbastanza carboidrati prima di iniziare la competizione. Una volta che siete nel buco metabolico, lasciatevi consigliare da un allenatore esperto e un buon medico sportivo e non prendere immediatamente le medicine.

14.86 IVA inclusa